Diario svedese – scritto n.62: la casa

Lo sfratto. La ricerca. L’acquisto. La ristrutturazione e il trasloco. Periglioso et incredibile viaggio nel mercato immobiliare svedese. Era settembre dell’anno scorso, ormai più di un anno fa, quando ci trasferimmo nella amena Råsunda, più precisamente a Näckrosen. Adorabile area nel comune di Solna, “Näckens” accoglie i visitatori con un grazioso viale alberato, marciapiedi lindi, Read More…

Micropost – riflessione sulle notizie dall’Italia

Faccio seguito al popolare scritto n.60, avente per tema le (vantaggiose) condizioni di lavoro in Svezia. Ora, cosa commentare quando le notizie dall’Italia hanno titoli come questi: Milano, i lavoratori tornano dalle ferie e trovano la fabbrica chiusa Modena, l’azienda manda i lavoratori in ferie e intanto si trasferisce in Polonia Dometic Forlì, “Operai in Read More…

Diario svedese – scritto n.59: gli stoccolmesi e l’educazione

Studi antropologici in terra di Svezia Durante questi due anni di soggiorno a Stoccolma mi sono spesso interrogato in merito alle abitudini comportamentali dei nativi. Uno degli aspetti più evidenti degli stoccolmesi è il distacco che tendono a mostrare nelle relazioni interpersonali, particolarmente evidente nel caso non vi siano rapporti di forte amicizia. Il distacco Read More…

Diario svedese – scritto n.58: viaggi di “lavoro” e ricongiungimenti

L’autore nuovamente a Malta. Ricongiungimenti. Mesi senz’altro ricchi di avvenimenti, a conferma di ciò un’assenza di aggiornamenti fin troppo prolungata. Mi riprometto ogni volta di risparmiare al blog un immeritato disinteressamento, puntualmente disattendendo il nobile proposito. Fa male ammetterlo ma il “blocco dello scrittore” è sempre in agguato, complice una vita che non sempre lascia Read More…

Diario svedese – scritto n.56: ancora a spasso

L’autore in giro per l’Europa. Considerazioni d’inverno. Il lavoro occupa sempre più spazio nella mia vita, circostanza non necessariamente positiva. Negli ultimi mesi ho effettuato due trasferte a Londra, aventi per obiettivo l’allestimento del nuovo ufficio inglese. Esperienze decisamente positive, nonostante il tempo a disposizione limitatissimo (tre giorni ciascuna).

Diario svedese – scritto n. 54: anniversari

L’autore tra anniversari e ringraziamenti. Sono trascorsi un anno e un giorno dalla partenza. Contro ogni possibile previsione mi trovo ancora in Svezia, con una dimora più o meno fissa, tutti i documenti del caso e un lavoro. Questo è lo scritto più significativo dall’inizio della mia avventura, eppure è il più sintetico. Ad oggi, Read More…