• Mixed Thoughts,  Svezia

    Diario svedese – scritto n.57: “Italy, love it or leave it”

    Serata all’insegna del cinema. Lascio l’ufficio verso le 17.00 in compagnia del collega Matteo. Prendiamo la tunnelbana alla volta di Hornstull, nella parte ovest di Södermalm. Raggiungiamo il cinema Rio, un vecchio locale dall’aspetto retrò con qualche decade alle spalle. Con un certo stupore ci imbattiamo in una coda di persone che ha inizio all’esterno dell’edificio. La pioggia battente non aiuta. Proiezione del giorno: il documentario indipendente “Italy, love it or leave it”, di cui non conosciamo granché.

  • Lavoro,  Mixed Thoughts,  Svezia

    Diario svedese – scritto n.56: ancora a spasso

    L’autore in giro per l’Europa. Considerazioni d’inverno. Il lavoro occupa sempre più spazio nella mia vita, circostanza non necessariamente positiva. Negli ultimi mesi ho effettuato due trasferte a Londra, aventi per obiettivo l’allestimento del nuovo ufficio inglese. Esperienze decisamente positive, nonostante il tempo a disposizione limitatissimo (tre giorni ciascuna).

  • Lavoro,  Mixed Thoughts,  Svezia

    Diario svedese – scritto n.55: l’avventura maltese

    Cronache della prima trasferta lavorativa. Rientro dalle ferie con sorpresa. Nemmeno il tempo di perdere la tenue abbronzatura che ricevo la sorprendente notizia: – “Andrai in trasferta a Malta, c’è del lavoro da fare”. Io: “uh, quando?”. – “tra due settimane. Andrai da solo”. Pur avendo alle spalle, questo blog ne è testimone, una trasferta ben più impegnativa, la mia espressione è stata grossomodo la seguente: 😐

  • Mixed Thoughts,  Svezia

    Diario svedese – scritto n. 54: anniversari

    L’autore tra anniversari e ringraziamenti. Sono trascorsi un anno e un giorno dalla partenza. Contro ogni possibile previsione mi trovo ancora in Svezia, con una dimora più o meno fissa, tutti i documenti del caso e un lavoro. Questo è lo scritto più significativo dall’inizio della mia avventura, eppure è il più sintetico. Ad oggi, l’anno trascorso è stato il più folle e stimolante della mia vita, i dodici mesi che mi hanno reso una persona diversa. Grazie a chi ha creduto in me e a chi ha reso possibile tutto questo, a chi mi ha assistito, supportato, sopportato, consigliato, sostenuto e semplicemente ascoltato. Un sincero grazie a voi, mamma…