Hibiscus

Dopo anni di indugi e procrastinazioni ho infine donato al mio piccolo giardino il fiore che ispirò ormai due anni fa il tema grafico del di me blog, tale Hibiscus rosa che tanto scalpore destò e che diede inizio ad una sequela di interrogativi sulla mia eterosessualità. Va bene, è un Hibiscus “ROSA”, ma l’header e la tonalità prevalente del tema sono “PESCA”, come non ho mai smesso di sottolineare, mettetevelo in testa! 🙂
E no, non sono gay…ahi! Mi si dev’esser spezzata un’unghia, diamine!
Foto della mia piantina (ricorda:i diminutivi sono da gay):
hibiscus01.jpg
Nel frattempo leggo sulle Ansa che il nostro gioiello d’avanguardia ingegneristica, tale “termovalorizzatore” di Brescia, è nuovamente al centro dell’attenzione per la sempre meno presunta e sempre più probabile tossicità. L’articolo.
No ma complimenti, avanti a dar fuoco all’immondizia, tanto ci sono i finanziamenti statali che evitano i passivi di bilancio…
Inceneritori, discariche, centrali nucleari. Da un governo di cariatidi che posticipa di continuo a forza di aragoste e coca-parties l’appuntamento con il camposanto c’era forse da aspettarsi una ventata di idee realmente avanguardiste? No.

  • Sergio

    alla fine ti sei scoperto… buona la scusa del tema, del rosa che non è rosa bensì pesca… il nostro spidernick è un po’ gaio!!!
    va beh, ma non ti preoccupare. io non mi faccio problemi per queste cose e ti vogliamo bene lo stesso 🙂

  • Silvia

    Sergio, sei matto? Hai scritto Spidernik con la C, credo che ti ucciderà.
    In ogni caso il tuo tema pesca era bellissimo, questo nuovo è ancora un po’ povero!
    A me spiace per il termovalorizzatore, non mi sembrava una brutta idea riuscire a cavare qualcosa dalla quantità immane di rifiuti che produciamo, peccato che una cosa fatta bene non riusciamo mai a farla.