Diario svedese – scritto n.30: Internet in Svezia

Breve disquisizione sullo stato delle connessioni internet in Svezia.

Quasi profeticamente, raggiungo il trentesimo inserimento nel mio diario trattando uno degli aspetti principali che mi hanno condotto nel nord Europa, in particolare in Svezia: il fertile settore ICT.
Il Paese Scandinavo risulta essere, a livello mondiale, il maggiore ad investire nelle nuove tecnologie, in particolare nel settore delle telecomunicazioni. L’intera “scommessa” di trasferirsi in Scandinavia trova le sue motivazioni anche in ciò.
Nonostante l’entusiasmante realtà, l’appartamento in cui vivo è sprovvisto di abbonamento internet, pur essendo pienamente predisposto: la fibra ottica copre infatti capillarmente l’area metropolitana di Stoccolma, compreso Sundbyberg, comune in cui attualmente risiedo.
In ogni condominio è infatti possibile individuare lo switch FiberLan che porta la connettività dai punti di presenza (POP) alle singole abitazioni. Ho giusto scattato una fotografia stamattina.
Switch FiberLan
Essendo il mercato delle TLC completamente aperto e privo di cazzate all’italiana come “ultimo miglio” e simili, i provider combattono sul campo della connettività con offerte più o meno variegate, a prezzi flessibili in base ai pacchetti e alle velocità. Prezzi, a dire il vero, non sempre popolari: una trentina di euro al mese, comunque giustificabili dalle velocità atipiche e dai servizi IP Tv e VoIP spesso a corredo.
Si parlava di velocità “atipiche”, specie per gli standard nostrani: i tagli principali partono infatti dalla più umile 2 Mb, per raggiungere gli spaventosi e ben più diffusi 20, 60 e 100 Mb simmetrici (Up e down).
Ho avuto modo di fare un piccolo test di velocità a casa di Santo. La prova, strettamente empirica, consisteva nel download di una iso da 380 Megabytes tramite protocollo bittorrent.
Dal grafico sottostante è possibile notare una velocità di download massima di sei megabytes circa al secondo. Dopo qualche minuto, la velocità precipita, essendo stato completato il download del file.
Grafico download
Siamo poi passati alla prova tramite Speedtest, la cui attendibilità è in genere confermata. Al di là di un ping piuttosto elevato di 100 msec riscontrato nel test specifico (nei successivi test stavamo sui 20 msec), la schermata evidenzia il ragguardevole risultato di 28 Mb in download e 32 Mb in upload, dati probabilmente sporcati dal server di test e dalla fascia oraria (Sabato sera). Come convenientemente calcolato da Speedtest, in condizioni normali tali velocità permettono il download di un file video di 800 MB in quattro minuti. Nel caso si volesse effettuare il download di un file MP3 di cinque MB, è possibile che richieda più tempo il clic del mouse sul collegamento. In conclusione, lo streaming di contenuti in alta definizione non dovrebbe scomodare il buffering più di tanto.
Speedtest
Consideriamo una rete domestica classica, comprensiva di un router convenzionale dotato di AP WiFi con standard 802.11G. La banda passante teorica di un router su WiFi con protocollo 802.11G è di circa 54Mbps. Tale valore si dimezza a poco più di 20 Mb, in quanto la metà della banda su tale protocollo è occupata dall’overhead (RTS/CTS, latenze nel processing e nell’incapsulamento/decapsulamento, etc.).
In sintesi: con connessioni in banda larga superiori ai 30 Mb abbiamo l’incredibile scenario in cui è la connessione WiFi locale a fungere da collo di bottiglia, non l’opposto come generalmente avviene. Per ovviare al problema è necessario collegarsi al router tramite un cavo Fast Ethernet (100 Mb) per sfruttare appieno le capacità della fibra, o passare a periferiche su standard 802.11 N (300 Mb teorici).
Non ci si ferma qui: per i più avidi di banda, Telia offre da qualche tempo la FiberLan ad un Gigabit.
E qui si ride: ipotizziamo uno scenario super-ideale in cui si abbiano banda massima, zero latenze fino al nostro pc, zero latenze di processing / trasferimento tra BUS, etc. e un server remoto che ci permetta il download del file desiderato a 1Gb/sec. In questo ipotetico scenario scaricheremmo a circa 125 MB al secondo. Attualmente, uno dei dischi fissi magnetici (non SSD) più veloci è il Western Digital Velociraptor 600, capace di scrivere 1MB di dati non sequenzialmente a circa 80 MB al secondo.
Sempre rimanendo nella sfera dell’ideale e del teorico, in questo scenario sarebbe addirittura il disco fisso ad essere più lento a scrivere i dati che la connessione in fibra a trasportarli al nostro pc. Non credo di dover aggiungere altro.
  • Michela

    Mmm… ARABO! Cmq, ieri sera invece di fare i tuoi test, potevi collegarti a Skype… ci sarebbe stata una piacevole sorpresa per te!

    • Ivy

      Concordo con Michela … ARABO !!! ahaha 😛

  • spidernik84

    Ero fuori casa, sono tornato verso mezzanotte! 🙁

  • Santo

    Finalmente un post serio, quello che tutti in Italia vorrebbero sapere.
    Un post a cui pochi dei soliti commentatori risponderanno 🙂
    L’hai scritto apposta?
    Ciao
    Santo

    • spidernik84

      Sì, in effetti era mia intenzione scrivere un post simile già da tempo! 😀

  • grAz

    Uhm… se penso che pochi mesi fa ho cambiato il router/modem e, dopo qualche minuto di riflessione, ho scartato l’802.11n perché inutilmente più caro e di fatto non sfruttabile proprio in virtù del discorso “collo di bottiglia”…

    🙂 Ti dirò, comunque, che in genere non mi lamento, da utente privato, della ADSL nostrana. La cosa scandalosa è piuttosto che esistano aree montane (e sono TANTE) dove la connessione più veloce (tralasciando ponti wireless, satellitari o amenità simili) è la 56kbps del tardo medioevo. Oddio, suppongo che anche in Svezia le fibre ottiche non arrivino proprio a casa di Babbo Natale 😀

    Ciao Nick, buona settimana “svedese”!

    • spidernik84

      Ammetto di non conoscere lo stato della copertura della fibra qui in Svezia. C’è da dire che la portante 3G è virtualmente onnipresente, quindi si può ripiegare sulla rete radiomobile nel caso le linee terrestri non arrivino.
      La conformazione geomorfologica della nostra penisola non favorisce la posa di fibra ovunque, è sicuro, ma sono dell’idea che la scarsa copertura sia dovuta a fattori diversi da Madre Natura.

  • Michele

    Se l’Italia invece del digitale (so io quale dito digito più spesso pensando a questo discorso) avesse puntato alla fibra…
    Altro che collo strozzato, qui si sta col cappio al collo 🙁
    Ho sentito che FORSE qualcosa sta cambiando, ma guardando come sta andando Wi-fi max e la distribuzione dell’ottica mi sa che ci vorranno ancora 5 o 6 anni. EONI per un settore del genere.

  • Fabrizio

    Per curiosità era l’iso di Archlinux?

    Per la cronaca, invece, adsl 7 mega alice: ping 67ms
    5,88 mbps in upload (dai, ci siamo!)
    0,40 in upload (mi sa che le estensioni di firefox e impostazioni firewall non hanno agevolato eheh)

    va beh, tristezza

    • spidernik84

      Esattamente, versione Core x86 per l’esattezza :). Non sfugge niente al nostro Fabrizio!

  • Fabrizio

    Ho solo sparato quella che ricordavo esser la tua distro 😉 un po’ di fortuna ogni tanto ce l’ho e c’azzecco hihihi

  • Arduino

    Ti devo dire che qui sull´´isola siamo un po messi male..
    io che sono uno dei pochi fortunati ho 3 adsl da 24 in down e 2,5 in up bilanciate da un firewall

    ma i comuni mortali viaggiano con la 2 mb se va bene..
    o con il g3 a tratti

    se poi ti sposti a gbg e´ tutto un altro mondo li e´ di norma avere la 100 infatti i miei server sono li e non qui..

    cmq e´ comprensibile.. tanto territorio e poche abitazioni..

    • spidernik84

      Immagino che vi siano gli stessi problemi logistici presenti da noi in merito alla posa e alla capillarità della rete. Come hai scritto, la popolazione e la distribuzione della stessa sono ben diverse da quelle nostrane. Un po’ come i tanto decantati (a ragione) mezzi pubblici.

  • Dennis

    Che spettacolo! Li si che viene sfruttata la tecnologia, altro che italia!
    Potresti darmi delle info sul paese dove vivi te?
    Io vorrei trasferirmi li in Svezia a breve, magari anche il prossimo anno.
    Ti ringrazio per la disponibilità.
    Ciao,
    Dennis

    • spidernik84

      Vivo a sundbyberg, nella municipalità di Stoccolma. Li c’è la sundbybergs stadsnät che è una man in fibra ftth (fiber to the home). Mi son sempre trovato molto bene. A casa ho una 30/30 a circa 25 euro al mese 🙂
      Ciao

  • Dennis

    Posso aggiungerti su skype o contattarti ad una mail privata?
    Grazie

    • spidernik84

      Son su skype con il mio nickname. Non sono molto presente in questo periodo ma prova 🙂 Ciao.

  • bubugod

    a proposito di aree montane italiane. io vivo in zona montana a 8 km da una cittadina di 12 mila abitanti a confine con la slovenia. vivo nel fondovalle su una strada provinciale. a fianco al mio centro abitato c’è un comune con il capoluogo di 300 abitanti. mesi fa hanno posato la fibra ottica grazie a un finanziamento europeo.doveva essere posata entro il 2009. l’hanno posata a metà 2013 per non dover restituire il finanziamento. la fibra arriva alla centralina, ma la centralina è obsoleta e non la supporta. infatti tutto il paese ha ben 56 kb di connessione con il dopino analogico!! 🙁 anzi no. mi pare che 64 fortunati abbiano un vecchio progetto di telecom contro il digital divide e navigano a ben 640 k…. la centralina non la rinnoveranno mai, quindi quasi sicuramente la fibra sarà una cattedrale nel deserto nonchè spreco di soldi pubblici per anni e anni a venire. non la rinnoveranno perchè non hanno soldi, ma hanno avuto soldi per rattoppare la traccia del piccolo scavo della fibra per ben due volte, mentre il resto della strada è tutt’ora piena di buche, mi chiedo a che sia servita la seconda rattoppata visto che ha impiegato 3 mezzi pesanti, il macchinario per asfaltare, la materia prima e 6 persone per una giornata o forse più di lavoro (io da casa mia ho visto un giorno di lavoro, non so il restante pezzo fuori dalla mia vista). con quei costi di sicuro si poteva attivare la fibra, ma tant’è… poi ci si lamenta se l’italia non ha infrastrutture, la gente emigra e nessuno viene a fare impresa nelle zone montane… piccola curiosità, abito nel fondovalle, sulla montagna sopra casa mia è già slovenia. che connessioni hanno nei paesi lassù sperduti sulla montagna? hanno i 10 mega già dal 2006….

    ah dimenticavo e io, che con internet ci lavoro come faccio?
    signori, io sono fortunato!!
    in un angolo della mia casa prendo una tacca di vodafone high speed, quindi vai di vodafone station!
    34 euro al mese, 1 mega mediamente (ma negli orari di punta 500 kb) a volte 2 (quando sono fortunato o la notte) in down e poco meno in upload, 200 mediamente di ping, segnale debole che se telefono in voip cade la linea internet, e 30 gb di traffico mensile.
    se piove la linea va a singhiozzo…
    viva l’itaglia