Ciao Claudio

Scrivo con amarezza dopo aver appreso per caso della scomparsa di una delle persone che, seppur nella nostra inconsapevolezza, ha accompagnato le nostre giornate al cinema e di fronte alla televisione: Claudio Capone.
Ai più tale nome non dirà molto, in quanto a far parlar di sè non era certo il nome, bensì la sua straordinaria voce. Capone è stato infatti uno dei doppiatori italiani di maggior fama e talento, nell’olimpo delle voci d’eccellenza assieme a Genna, Ward e altri; tra gli attori da lui doppiati cito tra i tanti Mark Hamill nel ruolo di Luke Skywalker in “Guerre Stellari”, John Travolta in “Face Off”, Don Johnson in “Miami Vice”, John Malkovich, Laurence Fishburne e tantissimi altri.
Indimenticabile voce narrante della quasi totalità dei documentari di “Superquark”, Capone era inoltre la voce di Ridge in “Beautiful” e, tra gli ultimi lavori, doppiatore del Reverendo Camden in “Settimo Cielo”.

Un’altra grave perdita per il mondo del doppiaggio italiano, che segue alla scomparsa di altre due magnifiche voci, quelle di Oreste Rizzini (18 marzo 2008), voce di Gene Hackman e Michael Douglas, e di Angiolina Quinterno (3 febbraio 2006), doppiatrice di Madeline Kahn in “Frankenstein Junior”.

Questo post trasuda tristezza. Ed è giusto che sia così.