Micropost – riflessione sulle notizie dall’Italia

Faccio seguito al popolare scritto n.60, avente per tema le (vantaggiose) condizioni di lavoro in Svezia. Ora, cosa commentare quando le notizie dall’Italia hanno titoli come questi:

Milano, i lavoratori tornano dalle ferie e trovano la fabbrica chiusa

Modena, l’azienda manda i lavoratori in ferie e intanto si trasferisce in Polonia

Dometic Forlì, “Operai in ferie, manager cercano di svuotare la fabbrica”

La lezione è questa: nel nostro Paese manca un’etica del lavoro, ed il ritratto sapientemente rappresentato dal Fantozzi di Paolo Villaggio è sempre più simile alla realtà. La verità è che molti imprenditori non hanno mai conosciuto le parole “onore”, “onestà” e “rispetto”. Questo avveniva prima della crisi, figuriamoci ora che è un tutti contro tutti.
Sia chiaro, comprendo le dinamiche aziendali e quanto il bilancio segni il destino di un’attività, ma compiere manovre simili tenendo all’oscuro i dipendenti è vergognoso.
Posso solo dire di provar schifo per questa situazione e mi sento profondamente solidale con chi si è trovato in strada per causa altrui.

Diario svedese – scritto n.51: riflessioni sotto il sole di primavera

L’autore e le riflessioni del sabato pomeriggio.
Sono al parco pubblico, a pochi passi da casa. Un leggero vento fresco e il sole splendente rendono la temperatura ideale e l’inverno un lontano, brutto ricordo.
Di fronte a me un piccolo specchio d’acqua e lo scrosciare di un fiumiciattolo. A qualche passo dalla panchina su cui siedo un’oca canadese rovista nell’erba, non spaventata dalla mia presenza. Le sue sorelle nuotano nel lago, altre riposano sull’erba, la testa tra le penne.
No, non si tratta di un incubo (come avrete compreso dallo scritto precedente, i volatili sono ormai la mia ossessione), ma di ciò che io definisco “pace”.

Berlusconi: “Stampa? Povera Italia”


(ANSA) – ROMA, 4 SET – ‘’Povera Italia, con un sistema informativo come questo’’: cosi’ il premier Berlusconi a chi chiedeva di commentare le dimissioni di Boffo. ‘’Credo – ha aggiunto il presidente del Consiglio – possiate leggere i giornali di oggi dove c’e’ tutto il contrario della realta’. Abbeveratevi della disinformazione di cui siete protagonisti’’. Dura la replica del segretario della Fnsi, Franco Siddi: ‘Dovremmo dire poveri noi, italiani’.

Silvio, che sia tu a dirlo è piuttosto avvilente…

[fonte ansa]

La verità sui dossi artificiali

Chi, in fondo, non si è mai lanciato in appassionate lamentazioni viaggiando tre metri sopra l’asfalto con la propria vettura oltre un dosso mal segnalato? Chi, provando ogni sorta di buon sentimento, non ha maledetto in più occasioni le rampe di lancio sulla via Silvio Bonomelli a Rovato?

E chi, dimenticandosi per un breve ma interminabile istante delle sue cattoliche origini, non ha citato ogni santo del calendario nel consumare il paraurti anteriore in un morbido atterraggio su dei graziosi dossi in pietra?

Tutti, in un modo o nell’altro. Ed è a voi, amici, vittime di questa prepotenza perpetrata da tempi immemori dalle amministrazioni comunali, che mi rivolgo: sappiate che buona parte dei dossi è illegale. Punto. Leggi tutto “La verità sui dossi artificiali”