Diario svedese – scritto n. 54: anniversari

L’autore tra anniversari e ringraziamenti.

Sono trascorsi un anno e un giorno dalla partenza. Contro ogni possibile previsione mi trovo ancora in Svezia, con una dimora più o meno fissa, tutti i documenti del caso e un lavoro.
Questo è lo scritto più significativo dall’inizio della mia avventura, eppure è il più sintetico. Ad oggi, l’anno trascorso è stato il più folle e stimolante della mia vita, i dodici mesi che mi hanno reso una persona diversa.
Grazie a chi ha creduto in me e a chi ha reso possibile tutto questo, a chi mi ha assistito, supportato, sopportato, consigliato, sostenuto e semplicemente ascoltato. Un sincero grazie a voi, mamma e papà, a te Simona, ai miei parenti e anche agli amici. E un ringraziamento a tutti i lettori del mio umile blog, sia chi ho conosciuto di persona, sia chi leggo sotto forma di commenti. Tutti siete stati parte di questa mia piccola grande avventura.

*nota: mi suona dannatamente di epitaffio/testamento ma mi adopererò per far seguire altri scritti, non sia mai! 🙂