Diario svedese – scritto n.13: l’eterno nomade

Infauste notizie. “On the road again”. In senso letterale.

Mi sveglio e condivido una colazione a base di yoghurt alla vaniglia e muesli con Basil, il ragazzo svizzero conosciuto ieri.
Prendiamo la tunnelbana verso T-Centralen, dove ci separiamo. Obiettivo della giornata: la ricerca dello skatteverket, l’ufficio delle tasse dove mi recherò la prossima settimana per richiedere l’agognato personnummer, il codice fiscale svedese.
Mi reco all’ufficio del turismo in cerca di lumi, incontrando una chilometrica coda che mi spinge a desistere.

Leggi tutto “Diario svedese – scritto n.13: l’eterno nomade”

Diario svedese – scritto n.12: solidarietà in ostello

Fastidio durante la cena. Supporto reciproco tra compagni di sventura.

Dopo lo shock iniziale mi sono ambientato. L’ostello non offre grandi stimoli ma garantisce qualche altra notte al caldo.

Mi dirigo alla cucina per festeggiare soddisfatto con un buon piatto di pasta, appuntamento culinario da troppi giorni rimandato. Con sommo fastidio, realizzo che la cucina è priva di piano cottura. Dannazione!
In collera, ripiego su alcuni tramezzini al formaggio, seguìti dalla quotidiana mela del Sud Tirolo.

Leggi tutto “Diario svedese – scritto n.12: solidarietà in ostello”

Diario svedese – scritto n.11: il nuovo ostello

Nuovi compagni di camera. Serata a Stureplan. Nuovo inizio di giornata e trasferimento al terzo ostello.

Nono giorno a Stoccolma. E’ giunta in camerata una nuova coppia di turisti. Attaccano bottone, la signora mi sorride timidamente, il marito con maggiore trasporto. Sono tedeschi e le continue risate bonarie del signor Hans, leggermente rosso in viso, tradiscono le origini probabilmente bavaresi. Non sbaglio: è di Monaco.

Leggi tutto “Diario svedese – scritto n.11: il nuovo ostello”

Diario svedese – scritto n.10: nuove conoscenze internazionali

L’autore socializza con i compagni di stanza. Prima serata in un pub.

Mi sveglio anche questa mattina per merito di Aziz, ma è un risveglio gradito e atteso: mi saluta e mi stringe la mano, augurandomi buona fortuna. Arrivederci Aziz!

Scopro che le due ragazze arrivate il secondo giorno non sono tedesche, pur parlando la lingua, bensì altoatesine: discuto con loro, finalmente in italiano, delle motivazioni che mi hanno spinto a lasciare l’Italia. Annuiscono convinte, ammettendo di essere trattenute in Patria dall’amore. Mi fanno riflettere.

Leggi tutto “Diario svedese – scritto n.10: nuove conoscenze internazionali”

Diario svedese – scritto n.9: nuovi arrivi e visita al primo appartamento

L’autore a spasso per la capitale. Nuovi arrivi. Visita all’appartamento.

Mi sveglio alle sette con la sveglia di Aziz, oggi ha un importante convegno su temi a me ignoti.
Consumo una frugale colazione a base di te, biscotti “digestivi”, succo d’arancia e una mela del Sud Tirolo fredda di frigorifero, giusto per sostentarmi.
Programmo di farmi un giro in cerca di una lavanderia quando ricevo un messaggio da Santo, che gentilmente mi invita a pranzo. Accetto di buon grado l’invito, dirigendomi al discount di Radmansgatan per acquistare della verdura.